• Conversano
Handicaps e tempo libero in Puglia
vuoto
Presentazione
    
Handicaps e tempo libero in Puglia  

La proposta di modellare itinerari turistici pugliesi e di attrezzarli perché possano essere goduti da coloro che per un motivo qualsiasi, occasionale o permanente, ne siano impediti, non è in sé originale, ma lo diventa se scaturisce come risultato di uno studio organico e approfondito delle condizioni dell'handicap, del suo porsi in relazione al tempo libero e delle cause che ne impediscano il godimento.


Perché il pur variegato e ricco turismo degli anziani e degli handicappati non si spinge fin nella nostra regione? perché, pur in presenza delle condizioni necessarie per lo sviluppo turistico delle nostre zone, il clima, le attrezzature, la bellezza del paesaggio, la ricchezza delle testimonianze storiche e artistiche, non sia stato provveduto a abbattere le barriere? quali gli ostacoli, le mentalità arretrate, gli approcci nuovi, le leggi esistenti, la bibliografia nazionale e internazionale? e inoltre, quale la definizione concettuale di handicap in rapporto al tempo libero?


Da queste e da altre curiosità intellettuali è nato il progetto che, concepito in collaborazione con tre istituti universitari baresi, è stato presentato all’Assessorato regionale ai Servizi Sociali, giudicato di «rilevante interesse regionale» e finanziato per il primo anno, grazie anche alla sensibile attenzione dell’on. Enzo Binetti, all’epoca Assessore del ramo.


Ovviamente, alla curiosità di conoscere le risposte ai «perché» tecnici eravamo mossi da ben altre curiosità più profonde, umane, psicologiche, etiche e solidaristiche, connaturate agli scopi e alle finalità della nostra Associazione, che nella promozione dei diritti di tutti gli emarginati, sanciti dalla Costituzione, e, prima ancora, in un atto di amore e di testimonianza di fede e di solidarietà cristiana ha incentrato tutta la sua attività.


Il lavoro che presentiamo in questo volume è il risultato degli studi e delle ricerche condotte nel primo anno, ma il progetto ha durata triennale e alla conclusione offrirà alla Regione una mappa di itinerari da attrezzare per il turismo di anziani e di handicappati, che, se realizzata dalla stessa Regione e dagli Enti territoriali e statali competenti, non solo valorizzerà la nostra Puglia e il meridione, non solo creerà occasioni di inserimento lavorativo di giovani e di handicappati (che, per esempio, potrebbero gestire gli itinerari stessi, oltre che attrezzarli, attraverso forme di cooperazione), ma soprattutto avrà dato a noi la soddisfazione di avere utilmente e lealmente collaborato con la Istituzione a rimuovere alcune delle cause del disagio, che esclude ancora tanti cittadini dal godimento pieno dei loro diritti.


Perché in ciò vuole qualificarsi il nostro agire, nel non essere più solo l’agire che esaurisca il suo dovere sociale nell’offrire maggiore assistenza e nel sollecitare l’impegno pubblico, magari per integrarlo, per personalizzarlo o per nobilitarlo, ma nell'essere capaci di conoscere le cause che generano esclusione e emarginazione e indicare i mezzi per superarle e per vincerle.


Azione di integrazione e di supplenza dello Stato, ma anche azione di studio, di sperimentazione, di anticipazione, anche di programma, senza le quali si è generosamente solidali, si, ma si corre il rischio di essere sterili (salvo, si intende, l’alto valore morale della umana solidarietà).

 

Presidente della Associazione “Con Loro” dott. Giulio Gigante

 

La presente ricerca è stata resa possibile da un apposito finanziamento della Regione Puglia, Assessorato ai Servizi Sociali, ai sensi dell’articolo 8 della legge regionale n. 44 del 24 maggio 1985.
L’Associazione «con Loro» ringrazia
il dottor Giuseppe Zingrillo, Assessore regionale ai Servizi Sociali, e il suo predecessore, on. dott. Vincenzo Binetti il dottor Raffaele De Carlo e il dottor Rocco Lapolta, dell’Assessorato regionale ai Servizi Sociali i coordinatori della ricerca, professori Vito Antonio Baldassarre, Francesco Del Vecchio, Mario Lopresti e Giovanni Tortorici, e i loro collaboratori dottor Enrico Maria Brescia, dottor Leonardo Di Gregorio, dottor Sebastiano Gernone e dottor Silvestro Montrone
l’universitaria Donata Altini e il ragioniere Angelo Cimaglia per l’amministrazione e il coordinamento dei gruppi di studio il signor Giovanni Vito Cavallo per il settore audiovisivo il prof. Giovanni Coletta per la consulenza fiscale il signor Vito Guerra per il settore informatico la signorina Rita Montrone per la elaborazione dei dati.
Un particolare ringraziamento ai soci collaboratori volontari
dott.ssa Carla Ambrosio, Bernardino Campanella, arch. Maria Cristina Chiulli, Marina Conenna, dotta Maria Lucrezia D’Alessandro, Maria Domenica Fanelli Rizzo, dott. Vito Fascina, Antonella e Tiziana Giampietro, Magda L’Abbate, Micaela L’Abbate, Giovanna Lamanna, Giacomo Macchia, Pietro Miccolis, Rossana Pugliese, arch. Ciro Antonio Quirino, Fonte Maria Rotolo, dott.a Francesca Rotunno, Marilina Salinaro e Fonte Maria Sibilia.

 

vuoto   Go
Scheda bibliografica
vuoto
Autore AA.VV.
Titolo Handicaps e tempo libero in Puglia
Editore C.S.R. s.r.l. - Roma
Prezzo s.p.i
data pub. febbraio 1989
In vendita presso: Assoc. Con Loro. - Conversano
vuoto

Documento senza titolo

Archivio Diocesano 

Archivio Diocesano
di Conversano

 

coop. armida 

Book Shop

Comune di Noicattaro 

Comune di
Noicattaro

 

Comune di Conversano 

Comune di
Conversano

Editrice AGA

  Editrice AGA

 

Mappa del sito

                  Site Map

 

 

 

Mostra posizione

nbsp;