• Noicattaro
Don Pietro Carocci, letterato nojano del `600
vuoto
Presentazione
  
Appendice
I Caraffa di Noja


Centro Studi Nicolaiani

È da vari anni che, attraverso i periodici locali, Michele Sforza ci fa conoscere episodi e personaggi, a volte sconosciuti, della nostra microstoria, la quale non solo arricchisce la conoscenza della vita e delle vicende del passato, ma serve anche a scoprire e prendere coscienza della nostra identità e delle nostre radici più vere.
"Don Pietro Carocci - letterato nojano del '600" è il primo lavoro di un certo impegno e l'autore si cimenta in un campo del tutto nuovo per lui, parlandoci di letteratura e di un suo esponente, che è un nostro concittadino.
La presente pubblicazione è certamente il modo migliore per ricordare e celebrare il 4° centenario della nascita di questo sacerdote-letterato nojano, di cui si conosceva a malapena il nome; agli studiosi di storia patria era noto solo il titolo di alcune sue opere.
Il primo merito di Michele Sforza è dunque quello di aver ricercato e scoperto in varie biblioteche le opere del Carocci per darci un quadro esauriente della sua produzione letteraria, che non è certamente cospicua, ma significativa perchè, attraverso la poesia, il teatro, le opere dottrinali, affronta tematiche e problematiche molto sentite nella cultura e nella società del sec. XVII. Le numerose citazioni e la ricca bibliografia stanno a testimoniare il lungo e meticoloso lavoro condotto sui testi di storia della letteratura del '600 e accompagnato da ricerche storiche ed archivistiche.
Il libro prende in esame buona parte della produzione letteraria del Carocci e la sottopone ad un attento vaglio, sia sul piano del contenuto che dell'espressione linguistica, per ricercarne non tanto i meriti artistici, quanto i segnali del dibattito culturale della sua epoca, contrassegnata da contraddizioni, ma anche da fermenti innovativi. Il Carocci è presente in ogni pagina, perchè vengono proposti e commentati numerosi brani delle sue opere in maniera organica e puntuale. Numerose note esplicative rendono la comprensione dei testi più spedita e ampliano le conoscenze in ambito storico ed artistico.
Pur nella diversità dei generi letterari, quello che traspare subito dalle opere delCarrocci è l'ispirazione etico-religiosa, che a volte diventa preponderante ed ingombrante fino a frenare e sacrificare le istanze artistiche. Altre volte accade il contrario: è il sentimento religioso che perde di sincerità per cedere di fronte alle ragioni dell'arte, in modo particolare della retorica. Quando, comunque, il poeta riesce a trovare il giusto equilibrio, ci dà i risultati migliori. Sono atteggiamenti comuni ad altri letterati del sec. XVII e ciò dimostra che l'opera del Carocci è utile se non altro a conoscere meglio il Seicento, la letteratura barocca e la Controriforma.
Di notevole interesse le notizie della Noja del '600 (Cap. I) con le sue caratteristiche economiche, religiose, sociali e demografiche.
L'appendice riveste carattere prettamente storico, perchè tratta della famiglia Carafa di Nója, che resse per oltre due secoli il feudo nojano e che quindi appartiene di diritto, nel bene e nel male, alla nostra storia.
Com'è nello stile dell'autore, fare storia significa soprattutto far parlare i documenti, ritrovati in vari archivi e biblioteche: alcuni sono pubblicati qui per la prima volta.
La cittadinanza nojana saprà apprezzare questa pubblicazione, non necessariamente rivolta ad un pubblico di specialisti; si legge agevolmente non solo per la varietà dei temi trattati, ma anche per la chiarezza espositiva e per il corredo illustrativo. Essa si prefigge essenzialmente lo scopo di recuperare una memoria storica e di far conoscere, a distanza di 400 anni, la vita e le opere di un nojano, che sicuramente tenne alto il nome del paese e meriterebbe pertanto di essere ricordato più degnamente dai suoi concittadini.
È doveroso il grazie dei nojani a Michele Sforza per il suo appassionato e intelligente lavoro. Le sue ricerche storiche ci svelano radici utili anche a costruire la nostra identità culturale.
La stima e l'apprezzamento per questo notevole lavoro lo incoraggino a continuare a rovistare fra le antiche carte per presentare alla nostra città altre importanti pagine sconosciute della nostra storia.

 

Prof. Giovanni Parisi Sindaco di Noicàttaro

 

vuoto   Go
Scheda bibliografica
vuoto
Autore Michele Sforza
Titolo Don Pietro Carocci, letterato nojano del `600
Editore Levante Editori figlio di M. Cavalli - Bari
Prezzo s.p.i.
data pub. giugno 2000
In vendita presso:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
vuoto

Documento senza titolo

Archivio Diocesano 

Archivio Diocesano
di Conversano

 

coop. armida 

Book Shop

Comune di Noicattaro 

Comune di
Noicattaro

 

Comune di Conversano 

Comune di
Conversano

Editrice AGA

  Editrice AGA

 

Mappa del sito

                  Site Map

 

 

 

Mostra posizione

nbsp;