• Conversano
La Grande Guerra Sconosciuta
vuoto
Recensione di Giuseppe D'Accolti
Generale dell’Aeronautica Militare Italiana
  
grande guerra  

“Nonno, raccontami di quando facevi la guerra!”... chissà quanti di noi, allora bambini, abbiamo rivolto ai nostri nonni questa domanda.

Erano, nella mia infanzia, gli anni della guerra fredda e i carri armati possenti e i veloci aeroplani a reazione assumevano i contorni di macchine  fantascientifiche.

Li si vedevano nei brevi filmati della lontana guerra in Vietnam... e bambini vivevamo quelle immagini quasi incantati, quasi invidiosi i non poter vedere da vicino quelle meraviglie della tecnica.

Quella tecnologia che avevamo anche imparato a usare in casa con alcuni elettrodomestici che inglobavano parte di quei terribili mezzi.

“Nonno, racconta... !” ma poi bastava poco per correre via a giocare e non accorgersi che il nonno, fortunato sopravvissuto agli orrori della Prima Guerra Mondiale, restava muto, gli occhi fissi nel vuoto, la parola assente. gli occhi lucidi.

Si, i nostri nonni non raccontavano! Perché sarebbe stato difficile trovare le parole per esprimere le tragedie vissute: gli attacchi col gas, le lunghe attese nelle trincee, gli aeroplani che bombardavano, i carri armati che seppellivano al loro passaggio. Quegli incredibili e formidabili strumenti di morte li avevano conosciuti loro, per la prima volta sui campi di battaglia e al loro passaggio, da ogni parte, avevano - i nostri nonni che erano appena ventenni - perduto i loro compagni, i loro ufficiali.

Molti di essi li avevano poi raccolti rannicchiati in un cratere, magari a pezzi, tentando una pietosa composizione. Non potevano raccontare... e le famiglie lontane? erano al sicuro?

Esse vivevano di riflesso quei terribili fatti attraverso le poche lettere che giungevano dal fronte e che raccontavano la tragedia nella trepidante speranza di un ritorno. Molte di quelle lettere sono giunte senza che il loro mittente abbia mai potuto seguirle.

Nella mia attività di militare, mi sono occupato dei Caduti in guerra e ho potuto anche avviare vere campagne di ricerca per portare a casa, ancora oggi, alcuni di quei ragazzi.

La ricerca si avvaleva proprio di quei documenti e di quelle lettere, non certo importanti per raccontare gli eventi storici, ma preziose testimonianze vissute.

E poi c’è la guerra a casa... quella che non conosciamo perché la Storia non ha ritenuto fosse importante o funzionale alla storia stessa.

I fatti che leggeremo sono la storia del popolo, di madri che hanno visto partire i loro figli - nel mio lavoro ne ho individuato fino a 7 - per non vederli più tornare.

Ci sono i bombardamenti delle città del Sud, i fatti di guerra nella nostra terra, le colonie di prigionieri austro-ungarici, come ad Altamura, avviati, come reclusi, ai lavori sul nostro territorio.

Ci sono i nostri eroi, giovani ragazzi dei paesi pugliesi e del Sud che si sono coperti di onore e gloria.

Ma molti sono coloro che non hanno ricevuto una medaglia pur combattendo con lo stesso ardore, la stessa fede, lo stesso senso di Patria.

Una Patria che ancora stentava a trovare la sua unica identità: basti pensare alla differenza del linguaggio dei dialetti che, molto spesso, non permetteva neanche di comprendere gli ordini.

Mai nessuno di quei ragazzi si è fatto indietro!

La narrazione di Guido Lorusso ci racconterà fatti sconosciuti o poco noti a tanti. E ci condurrà, con garbo, in un percorso di conoscenza che non sfocia nella cruda realtà, nella narrazione asettica, ma quasi ci incanta in una ricognizione storica di gesta e di eventi, il cui ricordo inibiva la parola ai nostri nonni.

Non ci sono più quei coraggiosi ragazzi, quelli morti, quelli sopravvissuti.

Restano i fatti e resta la storia di quelle gesta.

In questo percorso storico appariranno eroi sconosciuti: i nostri nonni, e con loro, le loro famiglie. Il tutto in una narrazione tragica ed avvincente perché si tratta di fatti non solo lontani, ma che hanno toccato la nostra terra.

Un ringraziamento al prof. Guido Lorusso per avermi concesso il privilegio di questa breve presentazione al suo lavoro di ricerca.

Ai lettori, il consiglio di leggere questo libro con calma, meditando i fatti, soffermandosi sui nomi: è la storia della nostra amata Italia, è la storia della nostra Terra.

 

Giuseppe D'Accolti Generale dell’Aeronautica Militare Italiana

Il volume riporta alla luce fatti ed episodi storici rivenienti dal Primo conflitto mondiale, per gran parte misconosciuti soprattutto nel mondo scolastico, riguardanti in parte il ruolo strategico-militare-sanitario di primissimo piano svolto dalla Puglia (proiettata verso l’area balcanica e verso l’area greco-mediterranea) con i grandi porti di Brindisi, Taranto e Bari: tutto è stato portato a compimento senza mai perdere di vista il quadro storico nazionale ed europeo nei suoi diversi livelli di analisi, all’interno del quale prendono corpo e peso specifico non poche vicende straordinarie e tragiche insieme (sottaciute e fatte cadere volutamente nel “dimenticatoio della storia”): gli affondamenti per sabotaggi delle due più potenti navi della Marina Militare Italiana, le corazzate “Benedetto Brin” e “Leonardo da Vinci” fatte esplodere rispettivamente nel porto di Brindisi (1915) e nel Mar Piccolo di Taranto (1916); l’assurda condanna a morire di fame e di freddo e senza i dovuti soccorsi della Croce Rossa stabilita dal generale Cadorna per tutti i soldati italiani fatti prigionieri nel corso della sconfitta di Caporetto; il bombardamento effettuato sul Porto di Napoli da un grosso dirigibile tedesco partito da una base bulgara; gli stupri subiti da alcune migliaia di donne venete e friulane da parte della soldataglia austrotedesca; l’“Affaire Papa Benedetto XV e Monsignor Rudolph Gerlach”; la riuscitis¬sima azione del controspionaggio italiano denominata “Il colpo di Zurigo”.

Introduzione dell’Autore

 

vuoto   Go
Scheda bibliografica
vuoto
Autore Guido Lorusso
Titolo La Grande Guerra Scanosciuta
Editore Edizioni dal Sud - Bari
Prezzo € 16,00
data pub. 2019
ISBN 978-88-7553-280-2
In vendita presso:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  cell 34495371495-3407329754
vuoto

 

 

Presentazione del volume
"La Grande Guerra Sconosciuta"
La Grande Guerra Sconosciuta- Fotogallery

Filmato
La Grande Guerra Sconosciuta-Filmato
 

Documento senza titolo

Archivio Diocesano 

Archivio Diocesano
di Conversano

 

coop. armida 

Book Shop

Comune di Noicattaro 

Comune di
Noicattaro

 

Comune di Conversano 

Comune di
Conversano

Editrice AGA

  Editrice AGA

 

Informazioni di contatto 

   

           Per ulteriori informazioni registrati  

               www.facebook.com/scaffaleweb

  


 

Mostra posizione

width="900" height="300"